Martedì 13 giugno Memoria di s. Antonio da Padova. Dal Vangelo secondo Matteo (5, 13 -16)

Lunedì 12 giugno Dal Vangelo secondo Matteo (5, 1 -12 )
12 June 2017
Mercoledì 14 giugno Dal Vangelo secondo Matteo (5, 17 -19)
14 June 2017

Martedì 13 giugno Memoria di s. Antonio da Padova. Dal Vangelo secondo Matteo (5, 13 -16)

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: ” Voi siete il sale della terra; ma se il sale perdesse il sapore, con che cosa lo si potrà render salato? A null’altro serve che ad essere gettato via e calpestato dagli uomini.
Voi siete la luce del mondo; non può restare nascosta una città collocata sopra un monte,
né si accende una lucerna per metterla sotto il moggio, ma sopra il lucerniere perché faccia luce a tutti quelli che sono nella casa.
Così risplenda la vostra luce davanti agli uomini, perché vedano le vostre opere buone e rendano gloria al vostro Padre che è nei cieli.”

Commento

Dice Gesù : ” Voi siete il sale della terra…voi siete la luce del mondo”.
Queste affermazioni di Gesù sono formidabili. Fermiamoci al”sale,” elemento essenziale per il “gusto- senso” della vita: dà il sapore, un tempo l’unico elemento per conservare alcuni cibi.
Siete “sale e sale della terra” , di tutto ciò che esiste sul pianeta, creature tutte animate e inanimate.
Dice la lettera ai Romani (8,19 -23) ” la creazione stessa geme e e soffre come le doglie del parto e attende con impazienza la rivelazione dei figli di Dio e nutre la speranza di essere lei pure liberata dalla schiavitù della corruzione “.
Il cristiano è chiamato in causa da tutta la creazione perché la liberi. Quale grande responsabilità e ruolo ci ha dato il Battesimo, facendoci figli di Dio. In sintesi quello che noi siamo e facciamo ha un valore non solo personale e sociale ma un senso planetario.

Ma se il “sale perde la sua identità viene buttato”.
Il cristiano che non vive il suo Battesimo vanifica l’opera universale di salvezza del mondo.

Siete “sale e luce”: siate sale e luce perché gli uomini “rendano gloria al Padre”. Grande e bella responsabilità.

Comments are closed.

//]]>