Lunedì 12 giugno Dal Vangelo secondo Matteo (5, 1 -12 )

Venerdi 9 giugno Dal Vangelo secondo Marco (12, 35 – 37 )
9 June 2017
Martedì 13 giugno Memoria di s. Antonio da Padova. Dal Vangelo secondo Matteo (5, 13 -16)
13 June 2017

Lunedì 12 giugno Dal Vangelo secondo Matteo (5, 1 -12 )

In quel tempo, vedendo le folle, Gesù salì sul monte: si pose a sedere e si avvicinarono a lui i suoi discepoli. Si mise a parlare e insegnava loro dicendo:
«Beati i poveri in spirito,
perché di essi è il regno dei cieli.
Beati quelli che sono nel pianto,
perché saranno consolati.
Beati i miti,
perché avranno in eredità la terra.
Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia,
perché saranno saziati.
Beati i misericordiosi,
perché troveranno misericordia.
Beati i puri di cuore,
perché vedranno Dio.
Beati gli operatori di pace,
perché saranno chiamati figli di Dio.
Beati i perseguitati per la giustizia,
perché di essi è il regno dei cieli.
Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia. Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli. Così infatti perseguitarono i profeti che furono prima di voi».

Commento

Siamo all’ inizio della predicazione e Gesù fa, potremmo dire, la sua presentazione :”Beati i poveri, gli afflitti, i miti, gli affamati di giustizia, i misericordiosi, i puri di cuore, gli operatori di pace e infine i perseguitati per causa della giustizia”.

Gesù capovolge tutti i modi di vedere e agire che gli uomini si sono costruiti lontani da Dio e avendo presente un orizzonte della vita puramente terreno e di fruizione di beni, di gloria…

Oggi chi crede e pratica i valori evangelici? Ma possiamo anche domandarci: troviamo così la felicità personale e sociale?
Chi di noi ha il coraggio , ad esempio, di vivere in famiglia la sobrietà e sa rinunciare a dare ai figli tutto ciò che chiedono o pretendono, magari con ricatti?
Chi sa essere misericordioso , non “fesso”, e sa perdonare ai familiari, ai vicini le offese ricevute? O non piuttosto semina discordia e menzogna di casa in casa, di nascosto, ingannando soprattutto i più indifesi?

L’ ultima beatitudine “la persecuzione” . Ci mette tutti in crisi: chi mette in pratica il Vangelo nella sua totalità è preso in giro e messo alla berlina da noi stessi,dai giovani e dagli adulti, da persone che credono di “sapere” tanto del Vangelo, senza parlare poi dell’opinione pubblica, dei mezzi di comunicazione.

Sì, ci sono famiglie sane e coraggiose. Imitiamole costruendo la verità.

“Quando il Figlio dell’uomo ritornerà troverà ancora la fede sulla terra”? (Lc 18, 8) E della fede abbiamo bisogno momento per momento.Perché ” Dio resiste ai superbi (a chi vuol fare tutto da sé – e quanti siamo!) e dà grazia agli umili” ( a chi si affida a lui) (2 Pie 5 ).

Esaminiamo noi stessi e non puntiamo il dito su questo o quell’altro. Abbiamo molto da cambiare.

Comments are closed.

//]]>